17 Dicembre 2014

Lo scrittore pakistano e la guerra ai Taliban

Lo scrittore pakistano e la guerra ai Taliban
Tempo di lettura: < 1 minute

Un’opinione interessante a commento della strage di bambini avvenuta in Pakistan, si legge in un’intervista rilasciata da Mohsin Hamid alla Repubblica del 17 dicembre. E riguarda la guerra contro i taliban, sulla quale lo scrittore pakistano accenna a un cauto ottimismo: «Ottimista forse è troppo. Ma ci sono segnali interessanti. L’Afghanistan è stato per anni lo scenario di una guerra a distanza fra India e Pakistan, con New Delhi che appoggiava Karzai e Islamabad i Taliban. Ma ora l’India e Pakistan vogliono fermare l’escalation e anche gli Stati Uniti hanno cambiato strategia. Archiviato il fallimentare intervento diretto, si muovono dietro le quinte e questo potrebbe funzionare. Le perdite inflitte ai Taliban in questo ultimo periodo sono la dimostrazione del cambiamento, ma purtroppo stragi come quella di Peshawar sono il prezzo della vendetta».

 

Nota a margine. Abbiamo riportato questo brano dell’intervista perché accenna alle ambiguità con le quali si è affrontato finora l’estremismo di marca talebana. E sulla condivisibile opinione riguardo l’intervento armato Usa in Afghanistan, che ha portato più caos di quanto già ce ne fosse. Come altrove, purtroppo, in questo decennio di interventismo militare.

Mondo
19 Luglio 2024
Ucraina: la guerra inglese
Mondo
18 Luglio 2024
Il Covid di Biden