1 Luglio 2024

Bolivia: Morales cambia idea e parla di autogolpe

Le dichiarazioni dell'ex presidente che ribaltano lo scenario del "golpe".
Bolivia: Morales cambia idea e parla di autogolpe
Tempo di lettura: 2 minuti

L’ex presidente boliviano Evo Morales ha cambiato completamente opinione sul tentativo di colpo di stato avvenuto mercoledì scorso a La Paz, dichiarando che si è trattato di un golpe gestito dallo stesso presidente Luis Arce, un “autogolpe”. Un’accusa che aveva lanciato il generale Zúñiga, che ha guidato i congiurati, appena è stato arrestato.

L’intervista di Morales

In un’intervista a radio Kawsachun Coca, di Cochabamaba, Morales ha affermato di avere ricevuto informazioni provenienti da fonti interne al governo che gli hanno fatto cambiare opinione sull’accaduto. E che il trucco dell’autogolpe aveva lo scopo di influenzare le presidenziali del 2025, in vista delle quali Arce, secondo Morales, sta cercando di eliminarlo dai giochi.

Sul suo account X, Morales, è stato durissimo: “Il presidente Luis Arce ha ingannato e mentito al popolo boliviano e al mondo […] È un peccato che venga utilizzato un tema così delicato come la denuncia di un colpo di stato”.

TWEET DI MORALES

Quindi ha aggiunto: “Devo scusarmi con la comunità internazionale per l’allarme generato e ringraziarvi per la vostra solidarietà con il nostro Paese. Quindi ha chiesto “un’indagine indipendente” su quanto realmente accaduto.

Arce e Morales sono da tempo rivali, ma non sembra affatto che l’ex presidente abbia accreditato la tesi dell’autogolpe in via strumentale, anche perché durante il giorno buio si è speso in maniera fortissima in favore del rivale. Morales ha fonti di informazione privilegiate, da cui la forte possibilità che quanto afferma sia vero.

Così, nel nostro piccolo, potremmo essere stati ingannati anche noi, avendo accreditato presso i nostri lettori come veritiero un golpe che potrebbe esser stato farlocco. A rafforzare la tesi della veridicità, il fatto che certe dinamiche rimandavano a cose già note e che Arce, o forse i suoi consiglieri, hanno fatto le cose per bene, sempre se davvero era tutto finto.

Al di là della doverosa correzione, resta un piccolo vulnus al nostro ego, che fa sempre bene. Continueremo a seguire la vicenda, dal momento che la Bolivia ha certa importanza per l’America Latina e non solo.

Mondo
22 Luglio 2024
Ucraina: il realismo di Haass
Mondo
19 Luglio 2024
Ucraina: la guerra inglese