12 Agosto 2013

Il terrore abita in Iraq

Il terrore abita in Iraq
Tempo di lettura: 2 minuti

Attentato in Iraq

La filiale irachena del network del terrore al Qaeda si chiama Isi – da non confondersi con l’omonimo servizio segreto pakistano legato ai vari servizi segreti occidentali. E lavora a pieno ritmo, a suon di autobombe. Così descrive la sua metodica attività Guido Olimpio sul Corriere della Sera dell’11 agosto: «Massacri che si ripetono a ritmo infernale e che solo nel mese di luglio hanno provocato quasi mille vittime. In febbraio, dopo un’altra ondata di attacchi, i terroristi hanno spiegato, senza giri di parole, quali sono i loro obiettivi. Il primo è il proseguimento della lotta dei sunniti contro i “politeisti”, termine con il quale identificano gli sciiti al potere».

L’agenzia terroristica irachena non manca di inviare rinforzi ai cosiddetti ribelli siriani. Conclude Olimpio: «La guerra di Damasco è presentata come un momento di un confronto più generale tra i sunniti e gli sciiti. Spiegazione fondata che si tramuta in una chiamata a raccolta di un conflitto destinato a durare e, magari, ad allargarsi ad altri Paesi del Medio Oriente. Ecco perché quanto avviene a Bagdad dovrebbe interessare tutti».

Titolo dell’articolo: La frangia irachena di Al Qaeda e l’ideologia che porta alle stragi.

 

Nota a margine. Con la scusa delle inesistenti armi di distruzione di massa, si era intervenuti a Bagdad per portarvi libertà e democrazia, questa almeno la spiegazione ufficiale. Invece si è portato l’inferno, come scrive Olimpio. Riflettere su questi errori del passato potrebbe giovare a non commetterne altri. Purtroppo non è quello che sta accadendo in Siria.

Mondo
19 Luglio 2024
Ucraina: la guerra inglese
Mondo
18 Luglio 2024
Il Covid di Biden