1 Marzo 2023

Iraq. Le autostrade della morte, una pagina di storia dimenticata

L'autostrada della morte. Iraq. Le autostrade della morte, una pagina di storia dimenticata
Tempo di lettura: 7 minuti

Nell’articolo sulle domande poste dal Washington Times a Biden riguardo alla guerra ucraina, abbiamo accennato alle autostrade della morte, il più terribile massacro della storia moderna.

Si consumò nel corso della prima guerra irachena, dopo l’invasione del Kuwait da parte di Saddam Hussein e prima dell’invasione americana dell’Iraq. Nessuno lo ricorda perché la prima guerra irachena, del 1991, vide quasi tutto il mondo al fianco – in via subordinata – degli Stati Uniti (un po’ come accade adesso per l’Ucraina).

Una storia di stretta attualità, anche per quanto riguarda la manipolazione dell’informazione. Pubblichiamo un documento sull’eccidio di massa, presentato da Joyce Chediac alla Commissione d’inchiesta per il Tribunale internazionale per i crimini di guerra di New York (pubblicato nel 2018 su Liberation –  giornale di sinistra, ma con azionista di maggioranza il banchiere Edouard de Rothschild).

Tra Kuwait e Iraq:  le autostrade della morte

La giornalista del New York Times Maureen Dowd ha scritto: “Mentre il leader iracheno era posto davanti alla sconfitta militare, Bush decise che preferiva scommettere su una guerra di terra violenta e potenzialmente impopolare piuttosto che rischiare l’alternativa: una soluzione imperfetta elaborata dai sovietici e dagli iracheni, che l’opinione pubblica mondiale avrebbe potuto accettare come tollerabile.

In breve, piuttosto che accettare l’offerta dell’Iraq di arrendersi e abbandonare il teatro di guerra [cioè il Kuwait ndr], Bush e gli strateghi militari statunitensi decisero semplicemente di uccidere quanti più iracheni possibile finché c’era questa opportunità.

Soldati e civili

Un articolo di Newsweek su Norman Schwarzkopf [comandante in capo delle truppe alleate ndr], intitolato “A Soldier of Conscience” (11 marzo 1991), osservava che prima della guerra di terra il generale era preoccupato solo di quanto tempo il mondo sarebbe rimasto a guardare gli Stati Uniti scatenare l’inferno in Iraq prima di dire: ‘Aspetta un attimo, ora basta’. Lui [Schwarzkopf] non vedeva l’ora di inviare truppe di terra per finire il lavoro. Il motivo per il massiccio sterminio dei soldati iracheni era dato dalla volontà degli Stati Uniti di distruggere l’equipaggiamento iracheno. Ma in realtà il piano era di impedire del tutto la ritirata ai soldati iracheni. Powell ha osservato che, anche prima dell’inizio della guerra, i soldati iracheni sapevano di essere stati mandati a morire in Kuwait.

Rick Atkinson del Washington Post ha affermato che “il cappio è stato stretto” attorno alle forze irachene in modo così efficace che “la fuga è impossibile” (27 febbraio 1991). Tutto questo non ha nulla a che vedere con una guerra, è un massacro.

Ci sono anche indicazioni che alcune delle vittime del bombardamento avvenuto durante il ritiro fossero palestinesi e civili iracheni. Secondo la rivista Time del 18 marzo 1991, non furono colpiti solo veicoli militari, ma anche automobili, autobus e camion. In molti casi, le auto erano cariche di famiglie palestinesi e di tutti i loro averi.

I resoconti della stampa statunitense hanno cercato di far apparire il rinvenimento di beni domestici bruciati e bombardati come se le truppe irachene avessero saccheggiato il Kuwait. Gli attacchi ai civili sono specificatamente vietati dagli Accordi di Ginevra e dalle Convenzioni del 1977.

Cosa è successo davvero? Il 26 febbraio 1991 l’Iraq aveva annunciato di aderire alla proposta sovietica e che le sue truppe si sarebbero ritirate dal Kuwait. Secondo testimoni oculari kuwaitiani, citati dal Washington Post dell’11 marzo 1991, il ritiro iniziò sulle due autostrade e verso sera era in pieno svolgimento. Verso mezzanotte è iniziato il primo bombardamento statunitense.

Centinaia di iracheni sono saltati giù dalle loro auto e dai loro camion, in cerca di riparo. I piloti statunitensi hanno preso qualsiasi bomba si trovasse vicino al ponte di volo, dalle bombe a grappolo alle bombe da 500 libbre. Riesci a immaginarle sganciate su un’automobile o un camion? Le forze statunitensi hanno continuato a sganciare bombe sui convogli fino a quando tutti quegli esseri umani non furono uccisi. Così tanti jet sciamarono sull’autostrada interna che si creò un ingorgo in cielo, tanto che i controllori di volo dei jet da combattimento temevano collisioni a mezz’aria.

Crimini di guerra

Le vittime non hanno opposto resistenza. Non venivano attaccati in una feroce battaglia né cercavano di riorganizzarsi per dar vita a una controffensiva. Erano solo papere, secondo il comandante Frank Swiggert, il capo del Ranger Bomb Squadron. Secondo un articolo del Washington Post dell’11 marzo 1991, intitolato “Gli Stati Uniti si affrettano a modellare la vista dell’autostrada della morte”, il governo degli Stati Uniti si è coordinato e ha fatto tutto il possibile per nascondere questo crimine di guerra alla gente di questo paese e al mondo.

Ciò che ha deciso il governo degli Stati Uniti è diventato poi il focus della campagna di pubbliche relazioni gestita dal Comando centrale degli Stati Uniti a Riyad, secondo lo stesso articolo del Washington Post. La spiegazione ufficiale è stata che i convogli erano impegnati in una “classica battaglia tra carri armati”, come a suggerire che le truppe irachene cercassero di reagire o addirittura avessero la possibilità di reagire.

Il Washington Post afferma che gli alti ufficiali del comando centrale degli Stati Uniti a Riyad erano preoccupati per ciò che vedevano, cioè che ci fosse una crescente percezione pubblica sul fatto che le forze irachene stessero lasciando il Kuwait volontariamente e che i piloti statunitensi li stessero bombardando senza pietà, il che era la verità. Quindi il governo degli Stati Uniti, dice il Post, ha minimizzato le prove che le truppe irachene stavano effettivamente lasciando il Kuwait.

I comandanti dell’esercito statunitense hanno fornito ai media un quadro accuratamente dettagliato e preciso degli eventi in rapida evoluzione. L’idea era di far vedere il ritiro dell’Iraq come una ritirata strategica resa necessaria dalla forte pressione militare alleata. Ricordate quando Bush è venuto al Rose Garden e ha detto che non avrebbe accettato il ritiro di Saddam Hussein? Anche questo ne faceva parte, e Bush era coinvolto in questo insabbiamento.

Alla dichiarazione di Bush seguì subito un briefing via Tv dell’esercito che, dall’Arabia Saudita, spiegava che le forze irachene non si stavano ritirando, ma venivano sospinte fuori dal campo di battaglia. In realtà, decine di migliaia di soldati iracheni giunti in Kuwait avevano cominciato a ritirarsi più di trentasei ore prima che le forze alleate raggiungessero la capitale, Kuwait City. Non si erano mossi per un’asserita pressione da parte dei carri armati e della fanteria degli alleati,

Tale deliberata campagna di disinformazione su questa azione militare e il crimine di guerra che si è effettivamente consumato, questa manipolazione dei comunicati stampa per ingannare l’opinione pubblica e tenere nascosto il massacro al mondo costituisce anche una violazione del Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, il diritto dei cittadini a essere informati.

Mondo
19 Luglio 2024
Ucraina: la guerra inglese
Mondo
18 Luglio 2024
Il Covid di Biden