3 Settembre 2015

L'Ucraina, la "decentralizzazione" e le contestazioni

L'Ucraina, la "decentralizzazione" e le contestazioni
Tempo di lettura: 2 minuti

«Morti, feriti, sangue, fumo di lacrimogeni e di esplosioni: da Kiev arrivano di nuovo immagini di violenza, che minaccia di far saltare l’unica cosa di cui l’Ucraina poteva finora vantarsi: una leadership politica relativamente stabile e coesa. Una manifestazione di protesta sotto le finestre della Rada è sfociata in disordini violenti, tra pietrate, manganellate, lacrimogeni e infine lo scoppio di una bomba che ha fatto strage tra il cordone delle forze dell’ordine. Il ministro dell’Interno Arsen Avakov parla di almeno 50 feriti, e di un soldato ucciso». Inizia così un articolo pubblicato sulla Stampa del 31 agosto di Anna Zafesova, che descrive i gravissimi disordini – fomentati dalle forze nazionaliste – scoppiati a Kiev in occasione della votazione che inserisce la «decentralizzazione» nella Costituzione dell’Ucraina, un passo necessario per l’attuazione degli accordi di Minsk, sui quali si regge la fragile e travagliata tregua tra i separatisti del Donbass e il governo centrale.

 

Interessante anche la votazione della Rada sul punto, come nel dettaglio della Stampa: «Il voto ha registrato 265 “sì” su 368 presenti in aula, e ha segnato un’insolita convergenza bipartisan tra il partito di Poroshenko, altre forze minori e il “Blocco d’opposizione”, quel che resta del Partito delle regioni dell’ex presidente Yanukovich, rovesciato dal Maidan e ora rifugiato il Russia. Contro hanno votato la Batkivshina della ex premier Yulia Timoshenko, il Partito radicale di Lyashko e altri deputati, sostenuti dalla piazza nazionalista».

Titolo articolo: Assalto dei nazionalisti al Parlamento di Kiev, l’Ucraina rischia di precipitare nel caos.

 

Nota a margine. Segnale di disgelo non trascurabile quello avvenuto a fine agosto a Kiev, anche se si tratta solo di un primo passo: l’assemblea legislativa dovrà in seguito specificare nel dettaglio cosa si intende per decentralizzazione, nella ricerca di un compromesso tra le richieste dei separatisti e quelle del governo centrale. Ancora presto quindi per pensare che la risoluzione della crisi è a portata di mano: le feroci contestazioni di piazza fanno pensare che la strada per la pacificazione resta travagliata e incerta.

 

Comunque resta un passo importante, probabilmente favorito da un nuovo atteggiamento dell’amministrazione Usa verso Putin (elogiato pubblicamente da Obama dopo l’accordo sul nucleare iraniano) e da una conversazione telefonica tra e lo stesso, il presidente ucraino Poroschenko e i presidenti Merkel e Hollande (in visita a Kiev a fine agosto) dopo due mesi di silenzio (ancora la Stampa). Una telefonata, spiega ancora il quotidiano di Torino, che era anche il «segnale di un compromesso raggiunto».

Mondo
21 Giugno 2024
Israele e la Zona di interesse
Mondo
20 Giugno 2024
Netanyahu e la caduta di Atene